Di cosa si occupa in azienda l’IT Infrastructure Manager

01.11.2022
Di cosa si occupa in azienda l’IT Infrastructure Manager

Di cosa si occupa l’IT Infrastructure Manager

L’IT Infrastructure Manager è una figura professionale che si occupa principalmente di progettare, installare, mantenere e rinnovare l’infrastruttura IT aziendale1

Con quest’ultimo termine ci si riferisce all’insieme delle strutture fisiche e dei componenti che supportano le attività e i servizi aziendali e che permettono l’accesso e la gestione dei dati e delle informazioni necessarie al core business: gestire in maniera ottimale l’infrastruttura, supervisionando i suoi elementi chiave, assicura un corretto svolgimento delle attività aziendali e la corretta fornitura dei servizi di business2.

L’IT Infrastructure Manager si occupa, poi, di garantire la visibilità e la trasparenza nella rete e di controllare la posizione di sicurezza dell'organizzazione al fine di proteggerla da intrusioni, accessi non autorizzati e violazioni dei dati. In questa fase può essere supportato da professionisti quali il Chief Information Officer (CIO) o il Chief Technology Officer (CTO).

Infine, l’IT Infrastructure Manager gestisce i log, l'automazione del lavoro, la configurazione e l'integrazione delle applicazioni.

IT Infrastructure Manager: gli asset di lavoro più comuni

L'IT Infrastructure Manager è responsabile della progettazione, dell’implementazione, della manutenzione e del rinnovo dei diversi elementi che costituiscono l’infrastruttura IT3 e che possono essere riassunti come segue:

  • Componenti hardware, tra cui laptop, computer desktop e mainframe;
  • Sistemi operativi, i più comuni sono Windows, UNIX, Linux e Mac OS X;
  • Software aziendali, come SAP, Oracle e Microsoft;
  • Sistemi di gestione e archiviazione dei dati, come i server di dati ma anche i software di gestione dei database (MySQL, IBM Db2, ecc);
  • Intranet e telecomunicazioni, la rete interna alle organizzazioni comprende i software di rete virtuali (server Microsoft Windows, Cisco, ecc)  e l'infrastruttura di telecomunicazioni fisica (telefoni, router, cablaggio…);
  • Internet, cioè i siti web ospitati su server interni o esterni, le applicazioni web basate su Cloud, gli strumenti di sviluppo di software web e i servizi di hosting web;
  • Servizi di consulenza e integrazione di sistemi, in riferimento ai sistemi legacy che vanno aggiornati regolarmente.

Principali vantaggi apportati dall’IT Infrastructure Manager

Il lavoro svolto dall’IT Infrastructure Manager nella gestione dell'infrastruttura IT, permette all’azienda di raggiungere una serie di vantaggi cui si aggiungono ulteriori plus:

  • Migliori tempi di reazione e risposta verso possibili problemi e cambiamenti;
  • Processi più agili;
  • Automazione e pianificazione;
  • Riduzione dei tempi di inattività di app e sistemi.
 

Fonti

1. IT Infrastructure Management, sumologic.com
2. IT Infrastructure Management: An Introduction, bmc.com
3. The IT Infrastructure Manager: Roles & Responsibilities, .bmc.com

Benvenuto.