Business Information Manager: ruolo e principali competenze

13.01.2022
Business Information Manager: ruolo e principali competenze

Chi è il Business Information Manager

Il Business Information Manager è la figura professionale che si occupa della gestione e del controllo dei sistemi informativi aziendali. Egli propone, pianifica e gestisce l’evoluzione tecnica del sistema informativo1 - occupandosi talvolta anche del relativo sviluppo funzionale2 - e conosce in modo approfondito il core business e il mercato di riferimento dell’azienda di appartenenza.

Il Business Information Manager si occupa, dunque, primariamente di:

  • Allineare le esigenze del sistema informativo alla strategia di business aziendale;
  • Gestire e implementare gli aggiornamenti di hardware e software in uso;
  • Pianificare le attività periodiche di manutenzione del sistema ICT

Il Business Information Manager può lavorare in aziende variamente strutturate3 e, spesso, si trova in contatto con le principali figure deputate alla gestione del business e dell’area IT.

Business Information Manager: quali sono i principali compiti

Il Business Information Manager pianifica e gestisce i sistemi informativi aziendali nel tempo, al fine di renderli ottimali per gli utenti e di accrescere il business aziendale, tenendo in considerazione l’impatto diretto che le modifiche effettuate possono avere sull’economia dell’azienda.

In particolare, tra i suoi principali compiti ritroviamo:

  • Monitorare i principali trend di mercato circa i sistemi informatici;
  • Individuare le soluzioni più adatte in termini di funzionalità e i relativi costi4;
  • Individuare i bisogni dei collaboratori e tradurli in specifiche funzioni del sistema informativo;
  • Individuare gli aggiornamenti da apportare ai sistemi - al fine di garantire performance ottimali e continuità del business aziendale;
  • Supportare l’area acquisti nella scelta dei migliori strumenti IT e digital da introdurre in azienda;
  • Gestire e implementare gli aggiornamenti hardware e software;
  • Assicurare la qualità dei servizi informatici adottati dall’azienda;
  • Assicurare che tutti gli stakeholder rispettino la strategia e le deadline previste;
  • Elaborare report per validare che la strategia utilizzata sia ottimale;
  • Selezionare e adottare metodi, tool e tecniche di analisi adatti all’azienda e ai suoi bisogni.

Business Information Manager: quali competenze possiede

La figura del Business Information Manager racchiude contemporaneamente in sé sia conoscenze tecniche sia competenze manageriali. Per tale motivo, per poter svolgere agevolmente la professione di Business Information Manager è utile possedere una laurea in:

  • Informatica;
  • Ingegneria informatica;
  • Scienze economiche;

Inoltre, data la rapida evoluzione della tecnologia, il Business Information Manager dovrebbe tenersi costantemente aggiornato tanto in ambito informatico quanto in ambito economico.

Le hard skill più comuni per un Business Information Manager sono le seguenti:

  • Conoscenza dell’architettura dei sistemi IT;
  • Familiarità con i principi di Project Management;
  • Conoscenza delle principali strategie di marketing.

Tra le soft skill principalmente possedute dal Business Information Manager possiamo invece citare: 

  • Propensione alla leadership collaborativa;
  • Doti comunicative e relazionali - per comprendere e farsi comprendere in modo efficace;
  • Attitudine all’ascolto;
  • Capacità decisionali;
  • Capacità di motivare e sostenere i propri collaboratori;
  • Capacità organizzative;
  • Capacità di problem solving e time management;
  • Capacità di analisi;
  • Capacità  di redigere report informativi;
  • Capacità di teamworking - per poter interfacciarsi con le differenti aree aziendali;
  • Capacità di valutazione del rischio.

 

Fonti

1. Business Information Manager, registry.geodati.gov.it
2. Business Information Manager, competenzedigitali.org
3. Business Information Manager, cittadeimestieri.it
4. Business Information Manager, sindacato-networkers.it

Benvenuto.